Toronto. Agli Stati Uniti il destino potrebbe riservare una “stagnazione secolare”, un lungo periodo di crescita e occupazione in rialzo ma comunque al di sotto degli standard pre 2008, almeno se si prendono sul serio osservatori come Larry Summers, ex segretario al Tesoro degli Stati Uniti e già capo dei consiglieri economici del presidente Obama. All’Europa potrebbe andare perfino peggio: allo scenario della “stagnazione secolare” rischiano di aggiungersi da subito un andamento demografico e un debito pubblico insostenibili. Su questa analisi, a sorpresa, concordano sia gli alfieri europei del rigore fiscal sia alcuni dei più noti pensatoi liberal nordamericani; è...

* * *
Program
The opinions expressed in this article/multimedia are those of the author(s) and do not necessarily reflect the views of CIGI or its Board of Directors.